Il recesso della banca dal contratto

La Banca può recedere dal contratto -generalmente di conto corrente, mutuo, fido- solo per giusta causa, recesso che si differenzia dal recesso ad nutum e che può essere esercitato anche in assenza di una giusta causa. Il recesso sospende immediatamente l’utilizzazione del credito, ma la banca deve concedere un termine di almeno quindici giorni per

Le Banche possono procedere ad esecuzione sulla sola base dell’atto pubblico notarile -vale a dire senza dovere ottenere una sentenza di condanna-. Non tutti gli atti notarili sono idonei a costituire un titolo esecutivo e, pertanto, è possibile opporsi al precetto evitando il pignoramento dell’immobile. Per la validità del contratto di mutuo,  la consegna materiale del

Il secondo comma dell’art. 1137 c.c. riconosce al condomino che ha votato contro la decisione o che si è astenuto dalla votazione il diritto di impugnare la decisione davanti all’autorità giudiziaria, se la delibera risulti contraria alla legge o al regolamento vigente nel condominio. L’impugnazione deve avvenire entro il termine perentorio di 30 giorni, che per i

Alla tipologia di ammortamento prescelto (rata costante/cd alla “francese”) possono essere applicati almeno due tipi di regime finanziario, sicchè la Banca ha l’onere di indicare quali di essi intenda applicare. La previsione contrattuale relativa al solo tasso di interesse in ragione d’anno (c.d. TAN) è un’indicazione parziale e di per sé insufficiente a determinare il monte

Anche se il Notaio non è tenuto a garantire la convenienza economica dell’operazione, non può limitarsi ad accertare la volontà delle parti e a sovrintendere alla compilazione dell’atto, ma è tenuto a realizzare tutte le attività, preparatorie e successive, che, allo stato degli atti, garantiscano sia la serietà e la certezza dell’atto giuridico da rogare,

La qualifica di Consumatore apre la strada a tutte le tutele previste dal Codice del Consumo, prima fra tutte l’invalidità di tutte quelle clausole, contenute nel contratto, che abbiano come effetto una limitazione alla facoltà di opporre eccezioni. In tema di fideiussione, per la qualità di “consumatore” non bisogna avere riguardo alla natura della obbligazione

La liberazione della fideiussione

Ai sensi dell’art. 1957 c.c.,  il creditore che non attiva entro sei mesi dalla scadenza del debito gli strumenti di recupero del proprio credito nei confronti del debitore principale decade dal diritto di pretendere l’adempimento dal fideiussore. L’istanza del creditore verso il debitore principale deve essere necessariamente giudiziale, ossia è necessario il ricorso ad un

Sempre più spesso, gli istituti, al fine di non evadere la richiesta dei rapporti, sostengono di non poterla evadere  per una presunta sopravvenuta impossibilità per la perdita distruzione dai propri archivi informatici dei documenti. Il diritto di ottenere le comunicazioni relative ai rapporti bancari in essere e il corrispondente dovere di rendere dette informazioni, trovano

Oramai, può dirsi scoperto “l’inganno” delle SPV non iscritte: si revocano i decreti ingiuntivi, si sospendono le esecuzioni fino al punto di revocare gli esperimenti delle vendite. L’art. 2, IV comma l. 130/1999 (Disposizioni sulla cartolarizzazione dei crediti) prescrive espressamente ai soggetti diversi da banche o intermediari finanziari l’iscrizione all’albo ex art. 106 TUB per l’esercizio

La natura circostanziata dei fatti di violenza e la documentazione  (verbali di pronto soccorso, materiale fotografico in cui risultano lividi, ecchimosi sul volto e in varie parti del corpo) legittimano la concessione di provvedimenti inaudita altera parte aventi il contenuto di ordine di protezione e consistenti nell’ordine di far cessare la condotta lesiva e nel

La differenza La diffamazione è l’offesa pronunciata in assenza della vittima davanti a più persone (almeno due). L’ingiuria è invece rivolta direttamente alla vittima, in un colloquio a due, a prescindere dal fatto che ad assistere possano essere anche altre persone. Il tratto distintivo, dunque, concerne la presenza o meno della vittima oggetto di offese. La diffamazione sui

Attraverso l’iscrizione al servizio online, l’utente accede ad un servizio che gli consente di entrare in contatto con gli altri utenti in tutto il mondo, condividendo informazioni, documenti (fotografie, files, collegamenti a altri siti ecc..) e svolgendo altresì discussioni a mezzo di messaggi -più o meno, a seconda delle opzioni selezionate- pubblici, oppure privati.- La